BES - IS PaganoBernini

nel Sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

Tutta la modulistica è in formato PDF
Nel corso dell’A.S. 2016/2017, a partire da Ottobre 2016, sarà disponibile su questa piattaforma gratuitamente e per tutti gli Istituti Scolastici che ne faranno richiesta (La nostra scuola è registrata) un percorso formativo e-learning rivolto al personale docente, la cui finalità è di ampliare le conoscenze metodologiche, didattiche, operative e organizzative necessarie a rendere la Scuola realmente inclusiva per gli alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento. Tale iniziativa è parte integrante del progetto nazionale “Dislessia Amica”, realizzato dalla Associazione Italiana Dislessia (AID) con Fondazione TIM e di intesa con il MIUR. Il progetto Dislessia Amica nasce da oltre un anno di ricerca e applicazione sul campo all'interno del territorio nazionale in 30 scuole. La sperimentazione ha visto la partecipatione, durante l'anno scolastico 2015-2016, di un gruppo di insegnanti scelti all'interno di ogni istituto e coordinato da un formatore AID. Per approfondire la fase di sperimentazione o di ricerca-azione

Bisogni Educativi Speciali (BES)
Disabilità
L’integrazione scolastica degli alunni con disabilità costituisce un punto di forza del nostro sistema educativo. La scuola italiana, infatti, vuole essere una comunità accogliente nella quale tutti gli alunni, a prescindere dalle loro diversità funzionali, possano realizzare esperienze di crescita individuale e sociale. La piena inclusione degli alunni con disabilità è un obiettivo che la scuola dell’autonomia persegue attraverso una intensa e articolata progettualità, valorizzando le professionalità interne e le risorse offerte dal territorio.

Bisogni Educativi Speciali (BES)
Gli alunni con disabilità si trovano inseriti all’interno di un contesto sempre più variegato, dove la
discriminante tradizionale - alunni con disabilità / alunni senza disabilità - non rispecchia pienamente la
complessa realtà delle nostre classi. Anzi, è opportuno assumere un approccio decisamente educativo, per il
quale l’identificazione degli alunni con disabilità non avviene sulla base della eventuale certificazione, che
certamente mantiene utilità per una serie di benefici e di garanzie, ma allo stesso tempo rischia di chiuderli in
una cornice ristretta. A questo riguardo è rilevante l’apporto, anche sul piano culturale, del modello
diagnostico ICF (International Classification of Functioning) dell’OMS, che considera la persona nella sua
totalità, in una prospettiva bio-psico-sociale. Fondandosi sul profilo di funzionamento e sull’analisi del
contesto, il modello ICF consente di individuare i Bisogni Educativi Speciali (BES) dell’alunno
prescindendo da preclusive tipizzazioni.
In questo senso, ogni alunno, con continuità o per determinati periodi, può manifestare Bisogni Educativi
Speciali: o per motivi fisici, biologici, fisiologici o anche per motivi psicologici, sociali, rispetto ai quali è
necessario che le scuole offrano adeguata e personalizzata risposta.

19/05/17
17/10/16
Ai Coordinatori di classe Individuazione/inclusione alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES)

Convocazione riunione 25 ottobre 2016
(Gruppo Sostegno)
  Oggi 10/10/2017   Sono le   © Copyright 2015 I.S. Pagano-Bernini All Rights Reserved   Ris.1860x1080-1920x1080
SEDE
Mario Pagano
Via Andrea d'Isernia, 40 Napoli 80122
SUCCURSALE
Gian Lorenzo Bernini
Via Arco Mirelli 19/a Napoli 80122
Telefono
0817613540
Torna ai contenuti | Torna al menu